Roma: sgomberata la serial killer dei gatti. I vicini tirano un sospiro di sollievo (e anche i mici del quartiere)

Di Giuseppe Dones

Il commento più comune tra i residenti di piazza Re di Roma è «finalmente!». Infatti, chi vive nei pressi di via Lavinio ha potuto tirare un sospiro di sollievo. E ancor di più i piccoli felini che vivono nella zona. Perché, per loro, quella donna era un vero e proprio terrore. La Polizia Municipale infatti ha sgomberato l'abitazione delle signora che da anni vive in condizioni igienico-sanitarie pessime, maltrattando i felini che portava a casa: a parte i lamenti degli animali, spesso i gatti venivano visti alla finestra impauriti e chiaramente denutriti. Il blitzè avvenuto dopo una serie di denunce da parte di associazioni animaliste e dei vicini di casa.

Nell'appartamento al primo piano è stato trovato di tutto: gatti morti, alcuni mummificati, blatte, rifiuti accatastati, cibo avariato. Della vicenda si è interessata direttamente la sindaca Virginia Raggi, colpita dalla quantità delle segnalazioni (su tutte, quelle del drammaturgo Luca De Bei e dell'esperto di zoocriminalità Antonio Colonna). «La nostra paura è che possa tornare», hanno commentato i residenti durante le fasi di sgombero, «quella donna va trattata in un centro adeguato, ha problemi psichiatrici».